....di Samuele Arcangioli

   
 


 

 

Home

=> I MIEI RACCONTI

=> ...I QUADRI

=> ....di Samuele Arcangioli

=> ....di Paola Lanzarotto

=> ...di Iride Vergani

=> .... lettere e dintorni

=> ...gli adolescenti

=> ...i ricordi

=> ...un pò di giallo, un pò di

=> ...sul Natale

=> ...sull'handicap

=> ...le donne

=> ...gli uomini

=> LE FILASTROCCHE

=> ... i bambini

=> ... i personaggi della fantasia

=> ...gli animali

=> ...il mercato

=> favole

=> SERATE PAROLE E MUSICA

=> PROGRAMMI PER IL FUTURO

articoli di giornale

lascia un messaggio

 


     
 

 VOLTI FELINI

  

 

 

 

  LA VITA DIETRO A UNO SGUARDO 


Ti  cattura il suo sguardo. Quello di  una  donna irreale, forse mai esistita che ti osserva da un quadro.   “Quella sono io” pensi” quello è il mio sguardo, di quando sono arrabbiata o sono sola o triste, quando un mio desiderio si è trasformato in illusione”

TI  blocchi davanti a quel quadro  e i pensieri, bruma inconsistente nella tua mente, diventano a poco a poco mute domande,  “ Chi sei? “ chiedi, “ chi sei stata?. Che cosa hai vissuto? Quali dolori hanno reso i tuoi occhi così bui, la tua bocca così serrata? E come ti chiami?  Che nome ti hanno dato? “  

 Ti viene voglia di inventare una storia, per questa donna che sembra aver vissuto chissà quali dolori, chissà quali perdite, e  lei ti fissa  con i suoi grandi occhi scuri, immobile, imperscrutabile. E vivi la contraddizione tra quello sguardo che sembra voglia comunicare i segreti di una vita e quella bocca chiusa, in un silenzio ostinato, tragico.

In piedi davanti a lei,  aspetti, ti illudi di leggere e capirne i pensieri,  ma la tua mente si svuota, si perde, non riesci a scalfire quel silenzio ostinato.. Provi a darle un nome, il primo che ti viene alla mente: Emilia e subito dopo ti chiedi:” che importanza ha un nome, potrebbe chiamarsi Matilde, Nina,  o Agnese. Lei è il suo sguardo. Lei è i suoi occhi. Lei  è la vita dietro a quelle labbra strette.  E’ lì, che aspetta che il tempo passi sulle sue ferite e ne porti via il ricordo, è lì che aspetta che  il cuore torni ad accelerare i suoi battiti e spera che le sue  illusioni non rimangano sogni.  

 

 

 
 

ci sono stati già 21982 visitatori (39197 hits)